Consulenza Tecnica d’Ufficio…con quale preparazione?

By | giugno 28, 2016

consulenza tecnica d'ufficio con quale preparazioneOgni volta che assumi un incarico di consulenza tecnica giudiziaria, che sia una consulenza tecnica d’ufficio, una consulenza tecnica di parte, oppure una perizia d’ufficio, dovresti, idealmente, essere preparato sotto due aspetti.

  • La materia specifica su cui sei stato incaricato: un impianto elettrico, un macchinario, il bilancio di una società, ecc…
  • Gli aspetti procedurali dell’incarico: cosa fare e cosa non fare, cosa scrivere, quali documenti utilizzare, ecc…

Qualcuno mi ha chiesto se è più importante essere preparati sotto l’aspetto tecnico oppure sotto l’aspetto procedurale.

Devo dire che è una domanda un pò mal posta…

La risposta è che, ovviamente, bisognerebbe essere preparati in entrambi gli aspetti, la materia specifica e la procedura da seguire.

Ma il senso della domanda era un altro…in questo articolo voglio fare un po’ di chiarezza; mi fa piacere spiegare un po’ più in profondità  questo argomento, perché noto spesso che su questo punto si è diffusa un’idea sbagliata: tanti danno più importanza all’aspetto tecnico invece che a quello procedurale.

Invece, l’aspetto procedurale è molto più importante.

La preparazione specifica nella tua materia ti permette “soltanto” di sapere cosa devi scrivere nella consulenza tecnica d’ufficio;

ma questa è solo una minima parte di ciò che ti viene richiesto in una Consulenza Tecnica d’Ufficio (o di parte, o in una Perizia d’Ufficio)!

In qualsiasi incarico di consulenza tecnica d’ufficio, di parte o perizia d’ufficio, la preparazione sugli aspetti procedurali dell’incarico ti permette di sapere:

  • cosa devi fare;
  • cosa non devi fare;
  • come devi muoverti;
  • come devi scrivere.

Ora, lo so che ti hanno detto che devi essere preparato nella materia tecnica…

Ma questo è solo un pre- requisito: se non sai nulla della tua materia, è inutile proporti come CTU o CTP (e, a maggior ragione, come Perito d’Ufficio).

Ma non è questo il requisito che conta di più!

Se sei super preparato nella materia tecnica, ma hai preparazione scarsa o insufficiente sull’ aspetto procedurale (oppure ti manca qualche informazione), prima o poi commetterai un errore: e sarà un errore talmente grave che oscurerà  la tua preparazione tecnica (oltre, molto probabilmente a fare dichiarare nulla la tua consulenza tecnica d’ufficio)

E se, per effetto di questo errore, comprometterai la carriera da consulente tecnico giudiziario, allora, purtroppo, la preparazione tecnica specifica ti servirà a ben poco…

Ti basta quest’ultima frase per farti capire quanto è delicata la questione?

E dire, che, in tanti, ancora credono che non sia una questione importante: sono i cosiddetti “Mister So Tutto Io”.

Scarica GRATIS il Dizionario del Consulente Tecnico Giudiziario

Ricevi anche un BONUS: un file editabile per il calcolo compensi CTU.

CLICCA QUI (o sull’immagine del dizionario) per scaricarli.

 

 

Se, invece, sei preparato sotto l’aspetto procedurale hai due enormi vantaggi, che puoi ottenere in ogni consulenza tecnica d’ufficio.

VANTAGGIO N°1 puoi “delegare” l’aspetto tecnico ad un collega più preparato di te in quella specifica materia.

Si, lo so che ci sono norme deontologiche che vietano di subappaltare le prestazioni professionali: ma non sto dicendo questo!

Non sto dicendo di subappaltare: è chiaro che sarai sempre tu a rielaborare personalmente la bozza di relazione che il collega farà (o i suggerimenti che ti darà).

Per inciso, voglio sottolineare che prima ancora di delegare l’aspetto tecnico, devi conoscere un minimo quella materia, altrimenti non ha senso… ma questo lo do per scontato.

 

VANTAGGIO N°2 puoi calibrare la profondità degli argomenti, ossia puoi decidere se un determinato punto della relazione merita un approfondimento o viceversa sarebbe opportuno ridimensionarlo e ridurlo.

Questa sensibilità di calibrazione ti deriva proprio dal fatto di conoscere per bene gli aspetti procedurali.

Ad esempio, in alcune situazioni è meglio calcare la mano su alcuni punti, specie quando la materia è ostica per i non addetti ai lavori.  In altre situazioni, forse è meglio non approfondire perché hai già dato le informazioni minime a chi deve giudicare e, andare ad approfondire significherebbe annoiarlo o aggiungere risposte non richieste.

E ci sono altri mille motivi per cui dovresti conoscere a menadito gli aspetti procedurali, primi fra tutti i motivi di nullità di una consulenza tecnica d’ufficio.

Ad esempio, commetti un errore nell’ acquisire alcuni documenti processuali

No so cosa ne pensi, ma io non vorrei fare una super CTU per poi vedermela annullata perché ho sbagliato qualcosa sulla procedura e, di conseguenza, dover restituire il compenso…

In conclusione, quindi, che tu sia incaricato di una consulenza tecnica d’ufficio o di parte o di una perizia d’ufficio, non sottovalutare la preparazione nella materia specifica ma ricordati sempre che, in un’ipotetica scala d’importanza, la preparazione sugli aspetti procedurali sta un gradino più su.

…e che sia un’ottima consulenza

Michele Dimonte

PeritoInForma TM– La Guida Pratica per Consulenti Tecnici Giudiziari

 

POTRESTI ESSERE INTERESSATO ANCHE A:

Bozza CTU: attento alla trappola!

Controdeduzioni CTU: cosa sono e come scriverle

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *