Gli errori più frequenti ed i problemi che devi affrontare negli incarichi di CTU e CTP.

By | marzo 15, 2016

gli errori più frequenti di CTU e CTPQuali sono gli errori più frequenti di CTU e CTP nel corso dei loro incarichi?

E’ importante conoscerli perché il primo problema che dovrai affrontare sarà quello di eliminare, o almeno ridurre, la possibilità di errore prima, durante e dopo lo svolgimento degli incarichi.

Questo è il punto di partenza.

Ci sono altri aspetti altrettanto importanti, ma devi necessariamente partire da questo punto fermo:

azzerare le possibilità di errore!

Del resto, prima si impara a camminare poi si può imparare a correre! 🙂

E qual è il mezzo migliore per evitare un qualcosa (nel nostro caso gli errori più frequenti di CTU e CTP)?

 La conoscenza!

Non puoi affrontare e/o evitare qualcosa se non la conosci!

Nel nostro caso, se conosci le tipologie di errori più frequenti di CTU e CTP  è chiaro che sai cosa e come devi fare per evitarli.

Ma quali sono gli errori più frequenti di CTU e CTP?

Ce ne sono di varia tipologia, ma tutti conducono verso un triste epilogo: quel CTU sarà ritenuto inaffidabile, per i prossimi incarichi: ecco un esempio delle conseguenze di un pasticcio del CTU.

Nella Guida PeritoInForma TM ho individuato quattro tipologie diverse: errori materiali, errori concettuali, errori giuridici, errori illeciti.

Ognuna di queste tipologie di errore presuppone un’origine diversa, porta a conseguenze diverse, ha un grado di rimediabilità diverso.

Si va dagli errori irrimediabili che però non hanno alcun peso futuro, agli errori rimediabili che però hanno un certo peso e ti mettono in cattiva luce con chi legge le tue relazioni, a quelli irrimediabili e che hanno un peso tale da stroncare la tua carriera da consulente tecnico giudiziario. 😥 

 

Qual è l’altro grande problema che devi affrontare quando ricopri il ruolo di consulente tecnico giudiziario?

Sicuramente quello di distinguerti dalla “massa “!

Questo è un altro degli errori più diffusi di CTU e CTP  (un errore che sta a monte di un incarico)

Molte volte, ci si concentra molto sulla questione tecnica e poco (o per nulla) sull’aspetto della percezione

E questo soprattutto se ricopri il ruolo di CTP, perché devi essere percepito in maniera diversa, come un professionista diverso che risolve i problemi in modo diverso.

Devi, cioè, essere percepito come un professionista che apporta un “valore aggiunto” alla persona che sta difendendo ( il cliente).

 

Scarica GRATIS il Dizionario del Consulente Tecnico Giudiziario

Ricevi anche un BONUS: un file editabile per il calcolo compensi CTU.

CLICCA QUI (o sull’immagine del dizionario) per scaricarli.

 

 

Se ci pensi, un problema di tutti i professionisti tecnici è  quello di fare qualcosa che non viene percepita come di alto valore.

Nella  maggior parte dei casi, il cliente non percepisce il valore e le responsabilità che ci sono dietro un qualsiasi elaborato di un professionista tecnico.

E sai perché? Perché il cliente, a meno che non è anch’egli un ingegnere, un geometra, un perito, un architetto, non ne sa assolutamente nulla dei tuoi studi e di quanto sia stata dura.

Il cliente basa la sua percezione del tuo valore su altro. Su cosa? Su ciò che è più vicino al suo modo di vedere le cose: il cliente ragiona in termini di vantaggi che puoi apportare alla sua vita e/o di svantaggi che puoi fargli evitare.

Cosa voglio dire?

Seguimi un attimo …

Prendiamo, ad esempio, un grande avvocato penalista che nella sua carriera ha difeso persone con accuse molto pesanti ed è riuscito a tirarle fuori dai guai: è questo lo svantaggio che può far evitare ai suoi clienti (ossia una condanna pesante).

Il suo valore percepito agli occhi del cliente è, quindi, molto evidente: se qualcuno ha commesso qualcosa di grave (e ne ha la possibilità economica), si rivolgerà sicuramente a questo avvocato.
Nel caso di noi tecnici, invece, quasi mai il nostro rapporto è valorizzabile direttamente ed è percepito in modo istantaneo dalle persone; anzi, purtroppo, spesso avviene il contrario perché, quasi sempre, il nostro è un lavoro di “assunzione responsabilità” e/o di burocrazia.
Ad esempio, se un cliente ha bisogno di un rilievo, sia se affida l’incarico ad un ingegnere “a 5 stelle”, sia se lo affida all’ultimo dei geometri appena diplomato, per lui il risultato finale non cambia: otterrà sempre un “foglio di carta” con sopra la planimetria del suo immobile.

Non ha alcuna importanza chi glielo ha preparato!

Non ha alcuna importanza quanto questo tecnico incaricato abbia studiato: la responsabilità di ciò che produce resta sulle sue spalle, al cliente interessa solo il foglio di carta!
Se ci pensi, è così per tantissime tipologie di incarichi: non c’è valore percepito evidente nelle attività degli ingegneri, geometri, periti, architetti.

Si, lo so, è terribile!

Ma prima lo capisci, meglio è!

Prima lo capisci, prima ti organizzi di conseguenza!

Una delle eccezioni a questa tremenda situazione è proprio l’incarico di CTP perché, in analogia a quanto detto per l’avvocato, un bravo CTP potrebbe davvero fare la differenza in un procedimento giudiziario.

Quindi il suo valore potrebbe essere percepito in modo netto dal cliente (con la conseguente possibilità, non di poco conto, di poter chiedere onorari alti 😉 ).

Per cui, una volta che hai deciso di intraprendere questa carriera, devi:

  1. lavorare sodo;
  2. valorizzare le tue competenze tecniche;
  3. acquisirne ed affinarne altre;
  4. e conoscere a menadito tutto ciò che può capitare in un procedimento giudiziario per sfruttarlo e portare un effettivo vantaggio al tuo cliente;
  5. evitare gli errori più diffusi di CTU e CTP.

Diversamente, sarai solo uno dei tanti CTP che cercherà di ottenere un incarico qua e là, ma che non farà mai un vero salto di qualità!

Finora, probabilmente, hai intuito questi problema ma non li hai mai approfondito per bene; sei giustificato: il tran tran quotidiano, gli impegni, le urgenze, ecc.

Ora però sta a te!
PeritoInForma TM è una guida passo- passo che ti aiuta ad affrontare queste problematiche in ogni momento dell’incarico e per qualunque tipologia di situazione dovesse capitarti.

Dalle uno sguardo.

 

….e che sia un’ottima consulenza!

Michele Dimonte

PeritoInFormaTM– La Guida Pratica per Consulenti Tecnici Giudiziari

POTRESTI ESSERE INTERESSATO ANCHE A:

Dieci Comandamenti che il CTU DEVE seguire

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *